“Maps of reason” in Ondarock

Il duo italo-americano dei Tropic Of Coldness, formatosi nel 2011 a Bruxelles, giunge nel 2019 al suo sesto album, confermandosi come punto di riferimento tra i progetti di soundscape ambientali più dilatati e meditativi. “Maps Of Reason” si pone nel solco degli album precedenti come un ambient senza scossoni, bensì fluido e rassicurante con loop e note di chitarra che si susseguono senza ansie o inquietudini. 
Non c’è timore, nella musica dei Tropic Of Coldness, ma solo ricerca di pace ed equilibrio, di spazi infiniti, di ipnosi meditativa e sogno, mai di incubo. L’obiettivo è quello di creare una musica per l’anima, un’anima in armonioso equilibrio col tutto. I riverberi di chitarra, i loop, i synth e le sovrapposizioni sono alla base della creatività del duo, che coniuga acustica e elettronica in modo meno cupo di album come “Unrelated Casualities” (2013).
La chitarra finale della title track (11 minuti), le saturazioni ipereteree di “The Loss Of Empathy” alternate a venti simili a canti lontani, gli equilibri statici di “The Beauty And The Meaning”, con nuovo finale di chitarra, e il field record delle onde marine di “Diving For Pearls” (il brano meno rassicurante) sono i momenti migliori di un Lp che conferma le doti dei Tropic Of Couldness, fedeli e rispettosi dei canoni dell’ambient più etereo.

Link

“Maps of reason” in Music won’t save you

https://bandcamp.com/EmbeddedPlayer/v=2/album=2907080919/size=small/bgcol=ffffff/linkcol=0687f5/artwork=none/

TROPIC OF COLDNESS – Maps Of Reason (KrysaliSound, 2019) Quattro tracce di lunghezza omogenea, intorno ai dieci minuti ciascuna, si adattano alla perfezione a riempire le due facciate di un vinile, il primo prodotto dall’etichetta KrysaliSound, curata da Francis M. Gri e ormai da qualche anno affermatasi quale interessante polo d’attrazione di una ricerca elettro-acustica […]

via — music won’t save you

“Maps of reason” in Fluid Radio

Most Ambient of the present minute is precluded on one map of reason that relates to the ontology of the self. What does that mean Age, demographic, production time, together time, creation processes, and infinite gestures from a finite Drone void, in other words – a “map of reason”. But that’s just one map of reason, and a complex map. How do we make the map further simplified? The answer would seem to lie in the relationship each individual has with the specific music, the map in question, to use appropriate metaphor. This is what Tropic Of Coldness invite us to do here.

First of all, the vinyl artwork is sublime; a sort of intersexual build of male / ectomorph female vulnerability sitting in an upright, almost foetal pose. This calls to mind the labyrinths of the mind ToC are so good at swimming through with their hazy Robin Guthrie-esque guitars and swathes of delays and feedback trails. And that would seem their own ontology, a “reason for a map”, if you will. I am not inclined to read what their idea of a map here is about; I would rather the music dictate to me a perception, because music foretells so much more than words ever can. That said, there is a backstory behind this record, like most records. And at any extent, it sounds incredibly well produced. Just take “The Beauty And The Meaning”, track one, an achingly beautiful navel-gaze into an ever-circling storm in a tea cup.

Meanwhile, “Maps Of Reason” further in (but only track two) is a return to the form “Demography Of Data” left us with as a whole LP. Navel gazing is at once centred as it is permeate; looking around while listening to sounds similar to this creates a huge, mundane anti-nausea. The mundanity of it is to compliment it in my case – my meaning of mundane is “functional, precise” and not the other way round. Not boring. Not half-finished. This stuff is brilliantly formed and well-edited, like a densely packed novel that could do with some fleshing out to embrace the moments – and the navel gazing – as deeply as the navel will allow.

Talking a titter, when one (an Ambient producer, or whatnot) goes beyond the functional, music becomes artsy, opaque and like it is intended to needing adjustment to, to be naturally awkward. The “Art/alternative” style sections in record stores, however appreciated they are, are the opposite of what I look for in records, and the opposite of what ToC offer. ToC offer great music – just like on “The Loss Of Empathy”. And they do not need any labels to say “screw you mainstream, like me or lump me”.

It’s never been about that for mature musicians. Of course, when you’re a teen, just starting out, it’s the kind of thing you do, you have a chip on your shoulder, and a frown as big as a boulder. Ambient for me never needed to do that – if you want to frown, go to noise parties or Skrillex brostep nights. Tropic Of Coldness, like Rameses III before them, do not like to play for too long in one go. It could actually be wagered it’s because music like this is so affecting, at times sad, but in true meaning deep and not weird at all, just deep. It’s perfect music for a lazy evening bath.

Closing piece “Diving For Pearls” to me understates the real meaning behind this album, the entirety is a large pearl of wisdom, never caught inside the clam, left to roll out on the ocean floor and find new hydrated horizons eventually, washed up on a shore. But far from being musically washed up, this is essentially the breakthrough record for Tropic Of Coldness, and they could not have chosen a better label to release this on than KrysaliSound. It’s the sound of it, just the sound of it. The music, the label, is the map, the reason. When you have true reason to do anything, that’s when you feel like you’ve achieved something.

Link

Francis M. Gri “Decays” NEW ALBUM

Dear all,
I’m really proud to announce my new album “Decays”, released by Time Release Sound and available in store from November 11. You will find the album in two different and amazing lines of handmade packaging. Below details and two songs…enjoy!

From TRS:
“Greetings friends! Once again the earth has circled the sun, and the fall season is upon us! As the days shorten, and the leaves fall, we are pleased to bring you this most appropriately seasonal release from Italian based musician, Francis M. Gri, entitled “Decays”. At times sounding like the soundtrack to a moody, somber Tarkovsky film, Gri has captured the din of the clatter and clang of life as it grows, and then rises in an uplifting anthemic glory to all that man has made. Darkly delicate…constantly decaying and yet reborn again…eternally…”

“Night’s Highest Noon” in Ondarock

La nuova proposta dell’etichetta italiana Krysali Sound è una tra le più anomale e ardite della sua lunga collezione. Il debutto del duo tedesco/polacco composto da Masaya Hijikata e Andrea Koch, a nome klās’tĭk, si allontana di molto dalle consuete sonorità ambient per addentrarsi in terreni che ricercano linguaggi musicali differenti. 
Gli elementi fondamentali sono sovrapposizioni vocali e ritmi percussivi su base elettronica e di archi. Un percorso tra antico e moderno in cui si è in contatto sia con la musica primitiva e le sonorità tribali (vedi Aktuala e Lino Capra Vaccina), sia con un drummingrapido e ultramoderno arricchito da voci aliene e cori sovrapposti figli del minimalismo. Ma un ulteriore fattore da tenere in considerazione, il meno noto ma probabilmente il più determinante, è quello vicino all’Oriente, la danza Butoh, danza contemporanea nata in Giappone negli anni 60. Il risultato finale è tutto sommato abbastanza omogeneo, con brani che spingono maggiormente in una direzione piuttosto che in un’altra. 
L’iniziale “Chauvet” che cita la famosa grotta, luogo dei primi esempi rimasti di arte preistorica, è un esempio di ritmi cangianti e canti sovraincisi entrambi al confine tra modernità e tribalismo, tra età della pietra e musica elettronica contemporanea. La title track “Night’s Highest Noon” è un inaudito collage di ritmi forsennati quasi breakcore, percussioni, basso, elettronica che si inseguono in un moto senza sosta, come per una perfetta colonna sonora dei balli psicotici Butoh. “Delle marianne” è ben più classico (i primi secondi ricordano vagamente il “Requiem” di Mozart) e approfondisce tematiche ambient/minimaliste à-la Philip Glass con voce e archi per cercare atmosfere allo stesso tempo oscure e vitali. “Regina Coeli” abbandona ogni aspetto antico per farci ritrovare in un tribalismo ultrafuturista, con versi di alieni e synth impazziti. 
Il complesso caleidoscopio di suoni e colori del progetto Klās’tĭk non puo certo lasciare indifferenti. Il rischio di non far coesistere in modo adeguato le tante idee e riproporre un mero collage era molto alto, ma è stato fortunatamente scongiurato.

Link

“Night’s highest noon” in SoWhat

Un ideale punto di connessione tra una visceralità primordiale e l’evanescente consistenza di un futuro incerto realizzato attraverso una roboante sequenza di ruvide spirali irregolari. È dalla ricerca di un nuovo lessico risonante che trae origine il primo capitolo collaborativo che vede insieme Masaya Hijikata e Andrea Koch sotto la sigla klās’tĭk, progetto sperimentale incentrato su un fitto incontro/scontro tra trame ritmiche e insondabili modulazioni vocali.

È un universo crepitante, fortemente decostruito, ad emergere dalla congiunzione sinergica degli elementi in gioco, uno spazio sonoro che vede voce e pulsazioni avvolgersi in complessi tracciati dissonanti permeati da una persistente aura solenne. Ricorrenti scie sintetiche si insinuano in questo serrato dialogo fungendo da ulteriore collante capace di conferire densità ai differenti flussi, strutturati seguendo progressioni estremamente convulse e pirotecniche che a tratti convergono verso andamenti ipnotici da nenia fino a divenire allucinato mare di placide frequenze cullanti.

Un lavoro fortemente evocativo, ma sicuramente di non semplice assimilazione che si pone l’obiettivo di individuare le prime tracce di nuove possibili strade da percorrere. Un’esplorazione stimolante.

Link

“Heartbeats of a premature image” in Music Won’t Save You

“Sette velocità diverse, corrispondenti ad altrettante frequenze di un battito vitale e definito, a differenza dell’immagine ancora nebulosa della fonte che lo produce; vi è, non a caso, qualcosa di vagamente amniotico a unire titolo e contenuto di “Heartbeats Of A Premature Image”, quarto lavoro di David Gutman sotto l’alias Drawing Virtual Gardens. Le sue sette tracce, identificate soltanto da un numero di battiti al minuto (eppure sostanzialmente aritmiche), oscillano infatti tra modulazioni chitarristiche percepibili e atmosfere di avvolgente torpore, i cui contorni sfocati veicolano un’ambience vaporosa, in graduale addensamento.I movimenti minimali ma costanti dell’evanescente flusso di drone creato da Gutman plasmano una teoria di texture ipnotiche, in apparenza opposte alle dinamiche della memoria condensata in precedenti lavori del chitarrista statunitense (metà del progetto Tropic Of Coldness) sono in realtà ad esse pienamente complementari. Il suono di “Heartbeats Of A Premature Image” precorre infatti immagini e memorie, indirizzandone il corso, imprimendone il contenuto ancora prima della loro manifestazione.

In tale inversione di processo permane il sapiente dosaggio di toni, timbriche ed effetti da parte di Gutman, che è fin troppo facile immaginare ai comandi di manopole analogiche, con le quali modula intensità e frequenza di armonie espanse, trasformate in calde risonanze ambientali.”

Raffaello Russo

Link