“Maps of reason” in Rockerilla

Due viaggiatori alla scoperta di un mondo ancora non del tutto svelato. Alle spalle del loro vagare si formano lunghe scie di suono, attimi colmi di immensità elettro-acustica che rilasciano luminescenti sostanze visibili a chilometri di distanza. A vederle dall’alto formano un accogliente vibrante reticolato lungo quanto il tempo di un sorriso, quanto basta per abbandonarsi privi di barriere, distesi sull’onda continua e profonda di un suono che produce languore e crea ipnotica dipendenza. Un viaggio iniziato nel 2012, quello dei ToC, un tragitto nel cuore del suono che continua a stupire per la sua superba bellezza. SEGUITE LE MAPPE!

Mirco Salvadori